Discussione:
Luce condensata--trasformiamola in----luce diffusa
(troppo vecchio per rispondere)
Gelatina
2004-11-24 13:36:14 UTC
Permalink
Un' ideuzza che mi è frullata nella crapa, per ingegneri elettonici dalla
mano pratica.
Se per caso possedete già un ingranditore a luce condensata, ma volete
trasformarlo in luce diffusa con poca spesa e molto ingegno una soluzione
possibile è montare una lampada alogena ad alta emissione comunemente
montata sui fanali di tutte le automobili attuali.

Vi spiego perchè: le lampade alogene H1 o H2, H3 etc differiscono non tanto
nel bulbo ma nella configurazione dell'attacco, alcune hanno un filo con
terminale faston, altre solo il faston, l'altro terminale è a massa con
l'attacco metallico, sono 55W alogene, fanno una luce esagerata, ma hanno
bisogno di un trasformatore poco potente e di conseguenza molto più
economico e facilmente reperibile.
Non so se poi esistano lampade ancora migliori usate nei fari
automobilistici, sicuramente non assorbiranno centinaia di watt, e useranno
sempre 12V.

Se poi andate in una carrozzeria dove buttano via i corpi dei fari potete
prendere un pezzo da rottamare con una parabola e un attacco per la suddetta
lampada, potete sagomarne la forma per creare la scatola di miscelazione.
Spesso rottamano anche lampade vecchie, basta un po' di fortuna.
Per il resto è capacità di bricolage con perspex bianco opalino sopra il
negativo, e pareti della scatola fatta in lamierino di alluminio piegato e
rivettato, saldature non servono.

Un filo di sezione generosa alimenterà la lampadina dal trasformatore.

Il tutto basta farlo alloggiare dentro la zona della testa bianco e nero,
una volta eliminati i condensatori e sostituiti con la scatola di
miscelazione.

Per stampare multigrade avrete con voi i soliti filtri in acetato da
inserire nel cassetto portafiltri.

Quanto vi dico è frutto di esperienza con lampade alogene da 75/100/250 W
alcune costruzioni di ingranditori soffrono per la eccessiva potenza
luminosa e di surriscaldamento di talune lampade, tra l'altro costose, così
un ingranditore non esagerato come costo e dimensioni può diventare un
aggeggio molto più efficente con poca spesa(e divertimento).


--
Gelatina
at:
www.gelatina.altervista.org
thewizardofwiz
2004-11-24 15:13:04 UTC
Permalink
Post by Gelatina
Un' ideuzza che mi è frullata nella crapa, per ingegneri elettonici dalla
mano pratica.
CUT
hei Gelly
sei stato all'UCAS, ufficio complicazioni affari semplici?
con quattro soldi ma dico proprio quattro, è sufficiente mettere uno strato
diffusore sotto la lente inferiore del condensatore, ovvero fra questa e il
negativo, per ottenere una perfetto distribuzione luminosa identica o
migliore della luce diffusa che esce dal box apposito. se vuoi prorpio
dedicarti al bricolage, costruisciti il box con uno specchio vecchio e metti
come base inferiore un plexiglass o perspex o verto opalino
non andare a stuzzicare lampade automobilistiche eccetera, ti assicuro non
ne vale la pena: ho provato
piuttosto, se la testa dell'ingranditore ha dimensioni tali da consentirlo,
una volta montata la lampada del massimo wattaggio consentito, è possibile
creare una condotto di ventilazione a tenuta di luce, oppure montarne una di
potenza anche più che doppia, da gestire oculatamente con un riduttore di
tensione (piena tensione= esposizione, quanto basta per tutte le altre
operazioni)
come alternativa ultraeconomica, un interruttore da pavimento, due diodi, un
condensatore ed uno scatolinoper dimezzare la V in ingresso alla lampada
due soldi in tutto
;-)
le ultime soluzioni non sono applicabili per la stampa a colori.
ciao
Fabio
Gelatina
2004-11-24 15:46:33 UTC
Permalink
ah, i niubbi!

ma non credi che non abbia provato nei miei verdi anni a usare l'opalino e
ammenicoli vari? E che oggi non mi serve più, essendo giunto alla pace dei
sensi, percorrendo tutti i passi dall'Alfa all'Omega?

Lo dicevo per chi è un vero Archimede pitagorico, la pratica, non solo la
teoria!

ma tu sei un ingegnere?

;-)

--
Gelatina
thewizardofwiz
2004-11-25 00:16:35 UTC
Permalink
Post by Gelatina
ah, i niubbi!
;-))
Post by Gelatina
ma non credi che non abbia provato nei miei verdi anni a usare l'opalino e
ammenicoli vari? E che oggi non mi serve più, essendo giunto alla pace dei
sensi, percorrendo tutti i passi dall'Alfa all'Omega?
e se non ti serve... perchè svegli il can che dorme? hehehehehehehehehe!!!!!
Post by Gelatina
Lo dicevo per chi è un vero Archimede pitagorico, la pratica, non solo la
teoria!
ah, ecco...
Post by Gelatina
ma tu sei un ingegnere?
non di quel tipo, non offendere, sai?
hehehehehehehehehe!!!!!!!!!!!
Post by Gelatina
Gelatina
Fabio/comunque sono iscritto a ingegneria civile, ma il tempo è taaaaanto
tiranno...credo getterò la spugna

Fëdor Pavlovic'
2004-11-24 15:51:29 UTC
Permalink
Post by Gelatina
Un' ideuzza che mi è frullata nella crapa, per ingegneri elettonici dalla
mano pratica.
Se per caso possedete già un ingranditore a luce condensata, ma volete
trasformarlo in luce diffusa con poca spesa e molto ingegno una soluzione
possibile è montare una lampada alogena ad alta emissione comunemente
montata sui fanali di tutte le automobili attuali.
Vi spiego perchè: le lampade alogene H1 o H2, H3 etc differiscono non tanto
nel bulbo ma nella configurazione dell'attacco, alcune hanno un filo con
terminale faston, altre solo il faston, l'altro terminale è a massa con
l'attacco metallico, sono 55W alogene, fanno una luce esagerata, ma hanno
bisogno di un trasformatore poco potente e di conseguenza molto più
economico e facilmente reperibile.
Non so se poi esistano lampade ancora migliori usate nei fari
automobilistici, sicuramente non assorbiranno centinaia di watt, e useranno
sempre 12V.
Se poi andate in una carrozzeria dove buttano via i corpi dei fari potete
prendere un pezzo da rottamare con una parabola e un attacco per la suddetta
lampada, potete sagomarne la forma per creare la scatola di miscelazione.
Spesso rottamano anche lampade vecchie, basta un po' di fortuna.
Per il resto è capacità di bricolage con perspex bianco opalino sopra il
negativo, e pareti della scatola fatta in lamierino di alluminio piegato e
rivettato, saldature non servono.
Un filo di sezione generosa alimenterà la lampadina dal trasformatore.
Il tutto basta farlo alloggiare dentro la zona della testa bianco e nero,
una volta eliminati i condensatori e sostituiti con la scatola di
miscelazione.
Per stampare multigrade avrete con voi i soliti filtri in acetato da
inserire nel cassetto portafiltri.
Quanto vi dico è frutto di esperienza con lampade alogene da 75/100/250 W
alcune costruzioni di ingranditori soffrono per la eccessiva potenza
luminosa e di surriscaldamento di talune lampade, tra l'altro costose, così
un ingranditore non esagerato come costo e dimensioni può diventare un
aggeggio molto più efficente con poca spesa(e divertimento).
Apprezziamo lo sforzo ma imho, è impraticabile, la scatola di
miscelazione deve esere fatta bene per "miscelare" davvero, pena la
scarsa uniformità della luce.

;)
isaia
2004-11-24 15:58:05 UTC
Permalink
Post by Gelatina
Un' ideuzza che
da gnubbo: il contrario non si può fare vero?
Bruno Molteni
2004-11-24 16:29:27 UTC
Permalink
Post by Gelatina
Un' ideuzza che mi è frullata nella crapa, per ingegneri elettonici dalla
mano pratica.
....
Io preferisco la luce condensata. Quella diffusa a mio parere è troppo
"soft" e poco contrastata.

Nel mio Durst (M601) è possibile montare la testa a colori che trasforma la
luce dell'ingranditore da condensata a diffusa. Ma fatte varie prove ho
rimesso i consensatori ... e usato i filtri per il multigrade nell'apposito
portafiltri.

ciao
Bruno
Peter
2004-11-24 16:36:20 UTC
Permalink
Post by Gelatina
Un' ideuzza
non mi pare una cattiva idea, complimenti e grazie,
ciao



Lo Stilita
______________________________________________________
Peter Parker
http://pietropesaresi.altervista.org/

"un uomo deve avere un hobby"
Marion Crane
SerMarco
2004-11-24 18:56:19 UTC
Permalink
Post by Gelatina
Un' ideuzza che mi è frullata nella crapa, per ingegneri elettonici dalla
mano pratica......
Ciao Gelatina,

E che mi dici invece per trasformare un condensato in luce
puntiforme????

Ciao
Marco


-------------------------------
www.apuanet.com/upages/sermarco
Gelatina
2004-11-24 23:18:42 UTC
Permalink
è facilissimo, basta che metti al posto della lampada opalina una chiara,
magari alogena!

però non stampi i mezzitoni...

--
Gelatina
at:
www.gelatina.altervista.org
Post by SerMarco
Post by Gelatina
Un' ideuzza che mi è frullata nella crapa, per ingegneri elettonici dalla
mano pratica......
Ciao Gelatina,
E che mi dici invece per trasformare un condensato in luce
puntiforme????
Ciao
Marco
-------------------------------
www.apuanet.com/upages/sermarco
Continua a leggere su narkive:
Loading...