Discussione:
Nikon SB-800
(troppo vecchio per rispondere)
Kosta
2004-04-04 10:26:38 UTC
Permalink
Ciao a tutti ,

ho bisogno di un consiglio ... ho appena acquistato il flash in
oggetto , e volevo utilizarlo con pile ricaricabili ... c'è un limite
all'amperaggio?

Non vorrei fare danni ... e sul libretto non ho trovato nulla ...

Grazie .
P.S.
Sapete di qualche sito / tutotrial online per utilizzarlo al meglio ?
Fritz
2004-04-04 12:23:30 UTC
Permalink
Post by Kosta
ho bisogno di un consiglio ... ho appena acquistato il flash in
oggetto , e volevo utilizarlo con pile ricaricabili ... c'è un limite
all'amperaggio?
Quello che tu chiami amperaggio NON è un amperaggio, è una capacità.
--
Fritz
PC
2004-04-05 07:24:57 UTC
Permalink
Post by Fritz
Post by Kosta
ho bisogno di un consiglio ... ho appena acquistato il flash in
oggetto , e volevo utilizarlo con pile ricaricabili ... c'è un limite
all'amperaggio?
Quello che tu chiami amperaggio NON è un amperaggio, è una capacità.
si ... in effetti sono Ah ..........
Gianni Rondinini
2004-04-05 07:23:42 UTC
Permalink
Post by Fritz
Post by Kosta
ho bisogno di un consiglio ... ho appena acquistato il flash in
oggetto , e volevo utilizarlo con pile ricaricabili ... c'è un limite
all'amperaggio?
Quello che tu chiami amperaggio NON è un amperaggio, è una capacità.
in effetti in giro c'e' davvero poca chiarezza nella testa della
gente... quella "h" dopo la "a" viene sempre trascurata...

ricordo che all'iti un amico voleva comprare un alimentatore
stabilizzato. doveva alimentare qualcosa che assorbiva circa 2a, ma in
giro trovava solo alimentatori stabilizzati da 5a e 10a. non li
compro' perche' aveva paura di bruciare tutto: "eh, sai, la mia
apparecchiatura assorbe 2a: se gliene butto dentro 5 brucio tutto".

saluti "..."
--
Gianni Rondinini
Icem s.r.l. - http://www.icem.it
Tel: +39 0545 78036
Fax: +39 0545 78727
Pippo
2004-04-04 12:24:46 UTC
Permalink
"Kosta" <***@libero.it> ha scritto nel messaggio...

Scusami, io ho un Metz 44n e lo uso tranquillamente con le pile
ricaricabili.
Non sarà lo stesso flash, ma posso dirti che usando le pile ricaricabili il
flash funziona lo stesso. Con delle normali stilo AA ricaricabili, quelle
Ni-Mh da 1800 mAh in su per intenderci, il problema è il limite
dell'amperaggio che è inferiore a quello nominale.
Non me ne vogliano a male quelli che sanno meglio di me la legge di ohm, ma
avendo delle normali pile a secco da 1,5V si ha un maggior voltaggio
rispetto a quelle ricaricabili al Ni-Mh da 1,2V. Questo vuol dire che usando
le pile ricaricabili hai minore voltaggio (1,5x4=6V contro 1,2x4=4,8V), e
quindi un minore amperaggio (utilizzando le pile ricaricabili avrai anche
una riduzione del numero guida del flash, stimato nell'ordine del 25%).
Morale della favola: utilizza tranquillamente le pile ricaricabili, ma sappi
che utilizzandole non potrai sfruttare appieno tutta la potenza del flash.

Una domanda: quanto costa quel flash della Nikon che hai preso?
PC
2004-04-05 07:29:24 UTC
Permalink
Ok , grazie ....

Ho fatto questa domanda perchè un mio amico, ha bruciato il proprio metz ...
e la causa dice essere stata l'aver usato pile ricaricabili con troppi mAh
....
In effetti come mi ha fatto notare Fritz .. è una capacità .. non dovrebbe
influire... al limite influenza i il numero di lampi che puoi fare con una
ricarica ... o il tempo di ricarica ...

Il Flash costa da 520 ( Mediaworld ) a 460 ( internet + s.s. ) Euro ...

Io l'ho preso d'importazione ( senza NitalCard ).. ad un po' meno ...

Ciao.
Post by Pippo
Scusami, io ho un Metz 44n e lo uso tranquillamente con le pile
ricaricabili.
Non sarà lo stesso flash, ma posso dirti che usando le pile ricaricabili il
flash funziona lo stesso. Con delle normali stilo AA ricaricabili, quelle
Ni-Mh da 1800 mAh in su per intenderci, il problema è il limite
dell'amperaggio che è inferiore a quello nominale.
Non me ne vogliano a male quelli che sanno meglio di me la legge di ohm, ma
avendo delle normali pile a secco da 1,5V si ha un maggior voltaggio
rispetto a quelle ricaricabili al Ni-Mh da 1,2V. Questo vuol dire che usando
le pile ricaricabili hai minore voltaggio (1,5x4=6V contro 1,2x4=4,8V), e
quindi un minore amperaggio (utilizzando le pile ricaricabili avrai anche
una riduzione del numero guida del flash, stimato nell'ordine del 25%).
Morale della favola: utilizza tranquillamente le pile ricaricabili, ma sappi
che utilizzandole non potrai sfruttare appieno tutta la potenza del flash.
Una domanda: quanto costa quel flash della Nikon che hai preso?
Pippo
2004-04-05 08:15:02 UTC
Permalink
Post by PC
Ho fatto questa domanda perchè un mio amico, ha bruciato il proprio metz ...
e la causa dice essere stata l'aver usato pile ricaricabili con troppi mAh
Assolutamente no, non credo che sia per questo che il tuo amico ha bruciato
il Metz. Distinguiamo bene le cose: la capacità di una batteria come
"accumulatore di corrente" e il voltaggio che è in grado di erogare come
"generatore di tensione".
La capacità indica quanti milliampere in un ora è in grado di erogare la
batteria, quindi se ad esempio la batteria è da 1800 mAh può erogare 1,8A in
un ora di funzionamento continuo, oppure 3,6A in mezz'ora oppure 0,9A in due
ore, il prodotto alla fine risulta costante, e superato tale limite la
batteria tende a perdere la carica (nelle NiHm la perde di colpo).
La tensione nominale è invece la quantità di volt che la batteria è in grado
di fornire, che nel caso delle ricaricabili è di 1,2 V (contro le 1,5 V di
una normale pila a secco). Il voltaggio erogato è pressoché costante fino a
quando non si esaurisce la capacità. Picchi di tensione superiori nelle pile
ricaricabili non ci sono, semmai cali di tensione che si verificano quando
la carica sta per esaurirsi.
Stai sicuro che ad una maggiore capacità della batteria non corri nessun
rischio di "bruciare" il flash, anche quando si utilizzano capacità tipo
2500 mAh o superiori.
Post by PC
In effetti come mi ha fatto notare Fritz .. è una capacità .. non dovrebbe
influire... al limite influenza i il numero di lampi che puoi fare con una
ricarica ... o il tempo di ricarica ...
Infatti non influisce. Avresti molta più probabilità di far "bruciare" un
flash con le normali pile da 1,5 V piuttosto che con le ricaricabili, in
quanto con le pile a secco hai una tensione maggiore, e quindi una corrente
maggiore.
Ti ricordo però che utilizzando le pile normali da 1,5V potrai sfruttare in
pieno tutta la potenza luminosa del ng del tuo flash, mentre gli 1,2 V delle
pile ricaricabili ti diminuiscono del 25% la potenza del flash.
Post by PC
Il Flash costa da 520 ( Mediaworld ) a 460 ( internet + s.s. ) Euro ...
Io l'ho preso d'importazione ( senza NitalCard ).. ad un po' meno ...
Costa parecchio, come tutti i flash Nikon, c'era da immaginarselo.
Preferisco il Metz, non c'è paragone nel rapporto qualità/prezzo contro il
Nikon.
Che numero guida ha il tuo flash?
Pippo
2004-04-05 08:45:32 UTC
Permalink
"Pippo" <***@plutoepaperino.it> ha scritto nel messaggio ...

Volevo aggiungere che una batteria ricaricabile al Ni-Mh ha una resistenza
interna minore rispetto ad una batteria alkalina, ed è quindi capace di
erogare una corrente di spunto molto più elevata di quella alkalina.
Per fare un esempio una normale alkalina non è in grado di reggere una
corrente di un paio di ampere per un solo minuto, aumenterebbe la resistenza
interna di colpo e la tensione scenderebbe presto allo zero.
Invece una batteria ricaricabile Ni-Mh è in grado di erogare una corrente di
corto di 20A per un minuto senza problemi, ragione per cui è molto indicata
per le scariche di corrente tipiche dei flash, e più in generale delle
correnti di spunto richieste dalle fotocamere digitali all'accensione.
E' ovvio che il rischio di bruciare il flash utilizzando le batterie
ricaricabili esiste in caso di corto circuito, ma in ogni flash dovrebbe
esserci un fusibile o meglio ancora una adeguata protezione termica per
scongiurare questa ipotesi, verificabile anche con le normali alkaline
seppure in misura minore.
thewizardofwiz
2004-04-05 11:06:19 UTC
Permalink
Post by Pippo
Volevo aggiungere che una batteria ricaricabile al Ni-Mh ha una resistenza
interna minore rispetto ad una batteria alkalina, ed è quindi capace di
erogare una corrente di spunto molto più elevata di quella alkalina.
Per fare un esempio una normale alkalina non è in grado di reggere
CUT
non fa bene alla batteria, però, questa prova....
Post by Pippo
correnti di spunto richieste dalle fotocamere digitali all'accensione.
...questa è una fregnaccia (cit. in romano DOC)
Post by Pippo
E' ovvio che il rischio di bruciare il flash utilizzando le batterie
ricaricabili esiste in caso di corto circuito, ma in ogni flash dovrebbe
esserci un fusibile o meglio ancora una adeguata protezione termica per
scongiurare questa ipotesi, verificabile anche con le normali alkaline
seppure in misura minore.
non farci affidamento, spesso la protezione NON esiste oppure è una
resistenza ballast sull'alimentazione (un filo resistivo tipicamente 0,1
sino a 0,25ohm)
Fabio
PC
2004-04-05 10:47:48 UTC
Permalink
Il n° Guida 38 a 100 Iso (53 a 200 Iso)

Io l'ho preso a 320 ? mi sembrava un buon affare in virtù anche dell'elevata
rivendibilità ..

Ciao
Grazie per le info ...
Post by Pippo
Post by PC
Ho fatto questa domanda perchè un mio amico, ha bruciato il proprio metz
...
Post by PC
e la causa dice essere stata l'aver usato pile ricaricabili con troppi mAh
Assolutamente no, non credo che sia per questo che il tuo amico ha bruciato
il Metz. Distinguiamo bene le cose: la capacità di una batteria come
"accumulatore di corrente" e il voltaggio che è in grado di erogare come
"generatore di tensione".
La capacità indica quanti milliampere in un ora è in grado di erogare la
batteria, quindi se ad esempio la batteria è da 1800 mAh può erogare 1,8A in
un ora di funzionamento continuo, oppure 3,6A in mezz'ora oppure 0,9A in due
ore, il prodotto alla fine risulta costante, e superato tale limite la
batteria tende a perdere la carica (nelle NiHm la perde di colpo).
La tensione nominale è invece la quantità di volt che la batteria è in grado
di fornire, che nel caso delle ricaricabili è di 1,2 V (contro le 1,5 V di
una normale pila a secco). Il voltaggio erogato è pressoché costante fino a
quando non si esaurisce la capacità. Picchi di tensione superiori nelle pile
ricaricabili non ci sono, semmai cali di tensione che si verificano quando
la carica sta per esaurirsi.
Stai sicuro che ad una maggiore capacità della batteria non corri nessun
rischio di "bruciare" il flash, anche quando si utilizzano capacità tipo
2500 mAh o superiori.
Post by PC
In effetti come mi ha fatto notare Fritz .. è una capacità .. non dovrebbe
influire... al limite influenza i il numero di lampi che puoi fare con una
ricarica ... o il tempo di ricarica ...
Infatti non influisce. Avresti molta più probabilità di far "bruciare" un
flash con le normali pile da 1,5 V piuttosto che con le ricaricabili, in
quanto con le pile a secco hai una tensione maggiore, e quindi una corrente
maggiore.
Ti ricordo però che utilizzando le pile normali da 1,5V potrai sfruttare in
pieno tutta la potenza luminosa del ng del tuo flash, mentre gli 1,2 V delle
pile ricaricabili ti diminuiscono del 25% la potenza del flash.
Post by PC
Il Flash costa da 520 ( Mediaworld ) a 460 ( internet + s.s. ) Euro ...
Io l'ho preso d'importazione ( senza NitalCard ).. ad un po' meno ...
Costa parecchio, come tutti i flash Nikon, c'era da immaginarselo.
Preferisco il Metz, non c'è paragone nel rapporto qualità/prezzo contro il
Nikon.
Che numero guida ha il tuo flash?
thewizardofwiz
2004-04-05 11:02:18 UTC
Permalink
Post by PC
Ho fatto questa domanda perchè un mio amico, ha bruciato il proprio metz ...
e la causa dice essere stata l'aver usato pile ricaricabili con troppi mAh
impossibile
ammenochè non abbia usato capacità superiori a 3Ah o direttamente un
alimentatore (anche il Quantum), per le quali serve una piccolissima
modifica...
Post by PC
In effetti come mi ha fatto notare Fritz .. è una capacità .. non dovrebbe
influire... al limite influenza i il numero di lampi che puoi fare con una
ricarica ... o il tempo di ricarica ...
entrambi i fattori, infatti...
Post by PC
Post by Pippo
Con delle normali stilo AA ricaricabili, quelle
Ni-Mh da 1800 mAh in su per intenderci, il problema è il limite
dell'amperaggio che è inferiore a quello nominale.
???
le ricaricabili sono sempre SUPERIORI come amperaggio rispetto alle alcaline
inoltre le ricaricabili da 1,5V esistono in tagli anche superiori a 2000mAh,
ma sono rare da trovare
quelle da 1,2 sono diffusissime e si trovano sino a 2200mAh con estrema
facilità
Post by PC
Post by Pippo
Non me ne vogliano a male quelli che sanno meglio di me la legge di ohm,
ma
Post by Pippo
avendo delle normali pile a secco da 1,5V si ha un maggior voltaggio
rispetto a quelle ricaricabili al Ni-Mh da 1,2V. Questo vuol dire che
usando
Post by Pippo
le pile ricaricabili hai minore voltaggio (1,5x4=6V contro 1,2x4=4,8V)
vero, infatti alcuni flash NON funzionano oppure hanno un selettore
apposito, Metz in particolare (ma vale anche per altre marche) per i modelli
grandi ha il box pile _diverso_
Post by PC
Post by Pippo
quindi un minore amperaggio (utilizzando le pile ricaricabili avrai anche
una riduzione del numero guida del flash, stimato nell'ordine del 25%).
NEGATIVO
se il ciruito di alimentazione prevede limpiego delle 1,2V si riscontrano
solo vantaggi, eccezion fatta per le Ni-Cd che hanno capacità relativamente
ridotte (con un 45 non fai 40 scatti alla massima potenza)
Post by PC
Post by Pippo
Morale della favola: utilizza tranquillamente le pile ricaricabili, ma
sappi
Post by Pippo
che utilizzandole non potrai sfruttare appieno tutta la potenza del flash.
non è vero, vedi appunto quanto sopra
ciao
Fabio
Pippo
2004-04-05 11:55:35 UTC
Permalink
Post by thewizardofwiz
le ricaricabili sono sempre SUPERIORI come amperaggio rispetto alle alcaline
inoltre le ricaricabili da 1,5V esistono in tagli anche superiori a 2000mAh,
ma sono rare da trovare
quelle da 1,2 sono diffusissime e si trovano sino a 2200mAh con estrema
facilità
Se non mi ricordo male c'è un principio in elettrotecnica che stabilisce che
ogni generatore di tensione può essere considerato un generatore di corrente
considerata la resistenza interna r.
Assodato che la capacità di accumulazione della batteria NON influisce su
questo, occorre distinguere se si sta parlando di amperaggio di
spunto (e mi trovi d'accordo su quanto hai scritto) oppure di amperaggio di
assorbimento nominale del circuito, quale esso sia. Perché se è vero che le
batterie agli ioni di litio offrono un maggiore amperaggio di spunto, perché
hanno una r più piccola, è vero anche che si ha un minor voltaggio nominale.
A parità di carico, per la legge di Ohm I=V/(r+R) abbiamo per le batterie
ricaricabili una corrente nominale minore rispetto a quella di una batteria
alcalina che ha 1,5V rispetto a 1,2V.
Post by thewizardofwiz
NEGATIVO
se il ciruito di alimentazione prevede limpiego delle 1,2V si riscontrano
solo vantaggi, eccezion fatta per le Ni-Cd che hanno capacità
relativamente
Post by thewizardofwiz
ridotte (con un 45 non fai 40 scatti alla massima potenza)
Vantaggi in che senso, scusa?
Di durata della carica e di numero di scatti? Beh allora sono d'accordo con
te, ma se parliamo di potenza luminosa con quei 1,2V hai meno potenza di
sicuro rispetto alle alcaline.
Gianni Rondinini
2004-04-05 14:39:00 UTC
Permalink
Post by Pippo
Se non mi ricordo male c'è un principio in elettrotecnica che stabilisce che
ogni generatore di tensione può essere considerato un generatore di corrente
considerata la resistenza interna r.
i famosi bipoli equivalenti di thevenin e norton.
Post by Pippo
A parità di carico, per la legge di Ohm I=V/(r+R) abbiamo per le batterie
ricaricabili una corrente nominale minore rispetto a quella di una batteria
alcalina che ha 1,5V rispetto a 1,2V.
dipende cosa ci attacchi. se hai un carico che assorbe molta corrente,
ovvero che ha una resistenza equivalente molto bassa, paradossalmente
una sorgente a 1.2v con ri estremamente piccola potrebbe erogare una
corrente maggiore di una sorgente a 1.5v con una ri molto maggiore.

questo e' sicuramente falso con le pile nicd, che hanno resistenza
interna molto alta, ma *forse* con le migliori nimh potrebbe essere
vero --non conosco la realta': parlo di formule e teoria--.
Post by Pippo
Post by thewizardofwiz
ridotte (con un 45 non fai 40 scatti alla massima potenza)
Vantaggi in che senso, scusa?
switching in salita hanno vantaggi ad utilizzare sorgenti con elevate
correnti di spunto piuttosto che con elevate tensioni nominali, dunque
con una ottima nimh da 1.2 potresti caricare piu' velocemente un flash
rispetto ad un'alkalina da 1.5 marcata coop.
Post by Pippo
te, ma se parliamo di potenza luminosa con quei 1,2V hai meno potenza di
sicuro rispetto alle alcaline.
questo e' sbagliato comunque lo guardi. un flash raggiunge sempre la
stessa tensione e accumula sempre la stessa carica per il lampo: la
tensione di alimentazione non ha nulla a che vedere con la potenza
luminosa.

saluti.
--
Gianni Rondinini
Icem s.r.l. - http://www.icem.it
Tel: +39 0545 78036
Fax: +39 0545 78727
Pippo
2004-04-05 15:05:25 UTC
Permalink
Post by Gianni Rondinini
questo e' sbagliato comunque lo guardi. un flash raggiunge sempre la
stessa tensione e accumula sempre la stessa carica per il lampo: la
tensione di alimentazione non ha nulla a che vedere con la potenza
luminosa.
saluti.
In conclusione allora possiamo affermare che l'utilizzo delle pile
ricaricabili da 1,2V al posto di quelle da 1,5V non riduce il numero guida
del flash, vero?

Mi scuso ma forse ho scritto delle inesattezze nei post precedenti.
Sono stato ingannato da quanto ho letto tempo fa sul sito della Metz a
proposito delle batterie ricaricabili, c'era scritto che era possibile
utilizzarle sui vari mecablitz ma che per la storia dei 1,2V il numero guida
sarebbe diminuito. Sul sito della Metz non riesco più a trovare questa cosa
nelle faq, ma vi assicuro che c'era scritto così.

saluti
Gianni Rondinini
2004-04-06 07:23:25 UTC
Permalink
Post by Pippo
In conclusione allora possiamo affermare che l'utilizzo delle pile
ricaricabili da 1,2V al posto di quelle da 1,5V non riduce il numero guida
del flash, vero?
di sicuro non riduce il numero guida e di sicuro non rischia di
danneggiare il flash. puo' succedere, pero', che:
1. ci metta piu' tempo a caricarsi (questo dipende dalla bonta' delle
alcaline 1.5v che usi di solito e dalla bonta' delle nimh 1.2v che
useresti)
2. oltre un certo numero di lampi non riesca piu' a caricarsi (questo
dipende dalla bonta' delle nimh 1.2v che useresti)
Post by Pippo
Mi scuso ma forse ho scritto delle inesattezze nei post precedenti.
ma figurati :)
Post by Pippo
proposito delle batterie ricaricabili, c'era scritto che era possibile
utilizzarle sui vari mecablitz ma che per la storia dei 1,2V il numero guida
non ne capisco il motivo, ma a volte anche i produttori prendono degli
abbagli. oddio, e' anche possibile che i flash vecchi avessero limiti
piu' stretti negli accumulatori di carica per i lampi e che sotto una
certa tensione non riuscissero piu' a caricarsi al 100%, ma
onestamente mi sembra strano.

saluti.
--
Gianni Rondinini
Icem s.r.l. - http://www.icem.it
Tel: +39 0545 78036
Fax: +39 0545 78727
thewizardofwiz
2004-04-05 14:47:53 UTC
Permalink
Post by thewizardofwiz
Post by thewizardofwiz
le ricaricabili sono sempre SUPERIORI come amperaggio rispetto alle
alcaline
Post by thewizardofwiz
inoltre le ricaricabili da 1,5V esistono in tagli anche superiori a
2000mAh,
Post by thewizardofwiz
ma sono rare da trovare
quelle da 1,2 sono diffusissime e si trovano sino a 2200mAh con estrema
facilità
Se non mi ricordo male c'è un principio in elettrotecnica che stabilisce che
CUT
diploma in TLC queste cose sono come l'aria che respiro
ma permettimi: non capisco il riferimento alle mie parole, forse hai
sbagliato il rigo(=messaggio nel thread)?
Post by thewizardofwiz
ogni generatore di tensione può essere considerato un generatore di corrente
considerata la resistenza interna r.
Assodato che la capacità di accumulazione della batteria NON influisce su
questo, occorre distinguere se si sta parlando di amperaggio di
spunto (e mi trovi d'accordo su quanto hai scritto) oppure di amperaggio di
assorbimento nominale del circuito, quale esso sia. Perché se è vero che le
batterie agli ioni di litio offrono un maggiore amperaggio di spunto, perché
hanno una r più piccola, è vero anche che si ha un minor voltaggio nominale.
A parità di carico, per la legge di Ohm I=V/(r+R) abbiamo per le batterie
ricaricabili una corrente nominale minore rispetto a quella di una batteria
alcalina che ha 1,5V rispetto a 1,2V.
Post by thewizardofwiz
NEGATIVO
se il ciruito di alimentazione prevede limpiego delle 1,2V si riscontrano
solo vantaggi, eccezion fatta per le Ni-Cd che hanno capacità
relativamente
Post by thewizardofwiz
ridotte (con un 45 non fai 40 scatti alla massima potenza)
Vantaggi in che senso, scusa?
Di durata della carica e di numero di scatti?
maggiore capacità = ricarica più veloce, maggior numero di lampi
se
se
se
il dispositivo prevede l'alimentazione a 1,2V
diversamente, rilevando una tensione in igresso ritenuta troppo bassa, i
vantaggi "rimangono dentro le batterie"
;-)
Post by thewizardofwiz
Beh allora sono d'accordo con
te, ma se parliamo di potenza luminosa con quei 1,2V hai meno potenza di
sicuro rispetto alle alcaline.
??? potenza luminosa sulle batterie???
che intendi dire?
la potenza erogabile è sicuramente maggiore che Ni-Cd o peggio alcaline,
bisogna appurare ceh il flash possa lavorare a 1,2xN pile e non tutti lo
consentono (vedi mess precedente)
Fabio
Pippo
2004-04-05 15:18:48 UTC
Permalink
Post by thewizardofwiz
??? potenza luminosa sulle batterie???
che intendi dire?
Non sulle batterie, ci mancherebbe altro, ma la potenza luminosa espressa in
watt del flash. Una volgare P=VxI, considerando che però la tensione V è
presa ai capi di un condesatore a questo punto conta poco se la tensione di
alimentazione è data da quattro pile da 1,2 anziché da 1,5.
Post by thewizardofwiz
la potenza erogabile è sicuramente maggiore che Ni-Cd o peggio alcaline,
bisogna appurare ceh il flash possa lavorare a 1,2xN pile e non tutti lo
consentono (vedi mess precedente)
Fabio
Quindi in finale il problema potrebbe essere una questione di alimentazione
dell'elettronica, e non nella fase di carica.
Sarebbe proprio da stronzi fare un flash che supporta solo i 6V, e non i
4,8V, magari esiste ma io me ne starei volentieri alla larga
dall'acquistarlo.
Il mio Metz ragazzi funziona bene con entrambi i valori e se ciò non fosse
l'avrei riportato indietro dal negoziante, ma che me ne faccio di un flash
che non funziona con le pile ricaricabili?
thewizardofwiz
2004-04-06 07:10:23 UTC
Permalink
Post by Pippo
Post by thewizardofwiz
??? potenza luminosa sulle batterie???
che intendi dire?
Non sulle batterie, ci mancherebbe altro, ma la potenza luminosa espressa in
watt del flash. Una volgare P=VxI, considerando che però la tensione V è
presa ai capi di un condesatore a questo punto conta poco se la tensione di
alimentazione è data da quattro pile da 1,2 anziché da 1,5.
scusami sei completamente fuoristrada e Gianni ti ha risposto più che bene,
rileggiti il suo messaggio
Post by Pippo
Post by thewizardofwiz
la potenza erogabile è sicuramente maggiore che Ni-Cd o peggio alcaline,
bisogna appurare ceh il flash possa lavorare a 1,2xN pile e non tutti lo
consentono (vedi mess precedente)
Fabio
Quindi in finale il problema potrebbe essere una questione di
alimentazione
Post by Pippo
dell'elettronica, e non nella fase di carica.
noooo!!!
l'alimentatore switch carica il condensatore SEMPRE alla stessa tensione
quello che cambia è l'energia globalmente disponibile nelle batterie da
utilizzarsi per produrre X lampi, NON cambia assolutamente l'energia del
lampo nè le prestazioni degli eventuali automatismi
Post by Pippo
Sarebbe proprio da stronzi fare un flash che supporta solo i 6V, e non i
4,8V, magari esiste ma io me ne starei volentieri alla larga
dall'acquistarlo.
no attento: non è un discorso di supportare ma di come lavora l'alimentatore
i Metz grossi (GUARDA i portabatterie) hanno DUE diversi posti cui fa
riferimento il polo+ no per le battrie alcaline con 1,5xN Volts disponibili
e l'altro per le NiCd o equivalenti da 1,2xN Volts disponibili, prorpio per
informare il primo stadio dell'alimentatore switching (cambiano alcuni
componenti per adattare al meglio i parametri di funzionamento)
Post by Pippo
Il mio Metz ragazzi funziona bene con entrambi i valori e se ciò non fosse
l'avrei riportato indietro dal negoziante, ma che me ne faccio di un flash
che non funziona con le pile ricaricabili?
infatti! su alcuni piccoli (intendo con NG sino a ***@100ISO) c'è chiaramente
scritto di NON usare NiCd o simili, invece in altri devi spostare un piccolo
interruttore, altri ancora hanno un circuito che fa tutto da solo (pochi)
Fabio
Gianni Rondinini
2004-04-05 14:34:47 UTC
Permalink
Post by thewizardofwiz
quelle da 1,2 sono diffusissime e si trovano sino a 2200mAh con estrema
anche da 2400mah.

mi chiedo, piuttosto, quanto si rovinino e quanto durino a caricarle
con carica ultrarapidi da 1 ora e mezza...
Post by thewizardofwiz
vero, infatti alcuni flash NON funzionano oppure hanno un selettore
apposito, Metz in particolare (ma vale anche per altre marche) per i modelli
anche la nikon f5 mi dicono che con le nimh da 1.2v fatica anche solo
ad accendersi.
infatti suggerisco sempre di usare alcaline ricaricabili da 1.5v.
Post by thewizardofwiz
NEGATIVO
se il ciruito di alimentazione prevede limpiego delle 1,2V si riscontrano
solo vantaggi, eccezion fatta per le Ni-Cd che hanno capacità relativamente
vorrei anche aggiungere che siccome in buona sostanza un flash e' un
survoltore a scarica istantanea, se lo alimenti a 1.5x4 o a 1.2x4
cambia solo il tempo di ricarica, che sara' *tendenzialmente*
maggiore. ci mancherebbe solo che la tensione raggiunta da un flash
dipendesse dalla tensione di alimentazione...

saluti.
--
Gianni Rondinini
Icem s.r.l. - http://www.icem.it
Tel: +39 0545 78036
Fax: +39 0545 78727
thewizardofwiz
2004-04-06 07:12:45 UTC
Permalink
Post by Gianni Rondinini
Post by thewizardofwiz
quelle da 1,2 sono diffusissime e si trovano sino a 2200mAh con estrema
anche da 2400mah.
si confermo
Post by Gianni Rondinini
mi chiedo, piuttosto, quanto si rovinino e quanto durino a caricarle
con carica ultrarapidi da 1 ora e mezza...
si rovinano senz'altro e durano MENO dei 1000cicli previsti, ovvio....
Post by Gianni Rondinini
Post by thewizardofwiz
vero, infatti alcuni flash NON funzionano oppure hanno un selettore
apposito, Metz in particolare (ma vale anche per altre marche) per i modelli
anche la nikon f5 mi dicono che con le nimh da 1.2v fatica anche solo
ad accendersi.
infatti suggerisco sempre di usare alcaline ricaricabili da 1.5v.
infatti infatti...
Post by Gianni Rondinini
Post by thewizardofwiz
NEGATIVO
se il ciruito di alimentazione prevede limpiego delle 1,2V si riscontrano
solo vantaggi, eccezion fatta per le Ni-Cd che hanno capacità relativamente
vorrei anche aggiungere che siccome in buona sostanza un flash e' un
survoltore a scarica istantanea, se lo alimenti a 1.5x4 o a 1.2x4
cambia solo il tempo di ricarica, che sara' *tendenzialmente*
maggiore. ci mancherebbe solo che la tensione raggiunta da un flash
dipendesse dalla tensione di alimentazione...
chiarissimo e scontato
credo che forse il buon Pippo sia digiuno di elettrotecnica
Post by Gianni Rondinini
saluti.
Gianni Rondinini
a te e tutti gli amici di IAF
Fabio
Pippo
2004-04-06 07:28:18 UTC
Permalink
Post by thewizardofwiz
chiarissimo e scontato
credo che forse il buon Pippo sia digiuno di elettrotecnica
Si, probabilmente ^___^
Ma anche quelli che hanno scritto sul sito della Metz che usando batterie
ricaricabili il numero guida si riduce non sono da meno!
thewizardofwiz
2004-04-06 10:09:43 UTC
Permalink
Post by Pippo
Post by thewizardofwiz
chiarissimo e scontato
credo che forse il buon Pippo sia digiuno di elettrotecnica
Si, probabilmente ^___^
Ma anche quelli che hanno scritto sul sito della Metz che usando batterie
ricaricabili il numero guida si riduce non sono da meno!
daaaiiii.... link! link! non ci credo...
Fabio
Pippo
2004-04-06 13:09:06 UTC
Permalink
Post by thewizardofwiz
daaaiiii.... link! link! non ci credo...
Fabio
http://www.metz.de/en/en/en/photo_electronics/faq.148.html

Ora non lo troverai scritto, ma ti giuro che c'era fino ad una settimana fa
(che si fossero accorti dell'errore e stanno ristrutturando le faq?)
Gianni Rondinini
2004-04-07 08:28:14 UTC
Permalink
Post by Pippo
Ora non lo troverai scritto, ma ti giuro che c'era fino ad una settimana fa
(che si fossero accorti dell'errore e stanno ristrutturando le faq?)
evidentemente ci leggono :D

saluti ai tecnici ci metz :)
ci potreste anche regalare qualche flash, vista la svista che vi
abbiamo segnalato :)
--
Gianni Rondinini
Icem s.r.l. - http://www.icem.it
Tel: +39 0545 78036
Fax: +39 0545 78727
Gianni Rondinini
2004-04-07 08:27:27 UTC
Permalink
Post by thewizardofwiz
Post by Gianni Rondinini
mi chiedo, piuttosto, quanto si rovinino e quanto durino a caricarle
con carica ultrarapidi da 1 ora e mezza...
si rovinano senz'altro e durano MENO dei 1000cicli previsti, ovvio....
non lo metto in dubbio, ma mi piacerebbe sapere quanti cicli si
possono preventivare con:
- un carica da 1 ora
- un carica da 1 ora e mezza
- un carica da 2 ore
- un carica da 6 ore

se i numeri fossero, per ipotesi, 200, 300, 500, 800, allora prenderei
il carica da 2 ore e buonanotte.
ma dovrei inciampare in qualcuno che ha fatto le prove per avere un
risultato ragionevole...

saluti.
--
Gianni Rondinini
Icem s.r.l. - http://www.icem.it
Tel: +39 0545 78036
Fax: +39 0545 78727
Alberto R.
2004-04-07 12:20:07 UTC
Permalink
Personalmente, per non stressare troppo gli accumulatori, ho preferito
prenderne uno con ricarica in 3-4h, sempre con controllo -dV, di temperatura
e tempo massimo.

Ciao
Post by Gianni Rondinini
Post by thewizardofwiz
Post by Gianni Rondinini
mi chiedo, piuttosto, quanto si rovinino e quanto durino a caricarle
con carica ultrarapidi da 1 ora e mezza...
si rovinano senz'altro e durano MENO dei 1000cicli previsti, ovvio....
non lo metto in dubbio, ma mi piacerebbe sapere quanti cicli si
- un carica da 1 ora
- un carica da 1 ora e mezza
- un carica da 2 ore
- un carica da 6 ore
se i numeri fossero, per ipotesi, 200, 300, 500, 800, allora prenderei
il carica da 2 ore e buonanotte.
ma dovrei inciampare in qualcuno che ha fatto le prove per avere un
risultato ragionevole...
saluti.
--
Gianni Rondinini
Icem s.r.l. - http://www.icem.it
Tel: +39 0545 78036
Fax: +39 0545 78727
Continua a leggere su narkive:
Loading...