Discussione:
Petizione per i biocarburanti
(troppo vecchio per rispondere)
massivan
2005-08-26 10:14:17 UTC
Permalink
http://www.progettomeg.it/petiziobiocarb.htm

PETIZIONE PER I BIOCARBURANTI IN ITALIA

L'utilizzo dei biocarburanti è una realtà in Francia e in Germania ma non in
Italia dove nel 2005 il contingente defiscalizzato di biodiesel è stato
persino ridotto nella finanziaria da 300mila a 200mila tonnellate. I
biocarburanti sono alternativi al diesel e alla benzina, sono meno
inquinanti per l'aria, riducono la dipendenza dal petrolio e favoriscono
l'occupazione agricola. La direttiva europea 30/2003 impone all'Italia
l'obiettivo di coprire il 2% della domanda di carburanti con i biocarburanti
entro il 2005 e del 5,75% entro il 2010. Il recente decreto legge 128/2005
del governo ha previsto la copertura teorica soltanto del 1% entro il 2005 e
del 2,5% entro il 2010... l'Italia è ben al di sotto dell'obiettivo europeo.

I biocarburanti sono producibili da qualsiasi azienda agricola in Italia e
nel mondo. Rispetto al petrolio non esistono problemi di scarsità o di
concentrazione delle riserve in poche aree desertiche. I biocarburanti sono
fonte di occupazione per l'agricoltura europea e del sud del mondo. Sono
meno inquinanti del diesel e della benzina riducendo lo smog nelle città e
il problema dell'effetto serra. I vantaggi economici e sociali dei
biocarburanti sono evidenti:

1. Fabbisogno energetico nazionale. Crescita dell'auto-produzione nazionale
di carburanti con conseguente miglioramento dell'autosufficienza energetica
nazionale. In Francia i biocarburanti sono miscelati al 5% con i carburanti
tradizionali.

2. Occupazione nel settore agricolo. La produzione agricola per fini
energetici favorisce l'occupazione nel settore agricolo ben distribuita sul
territorio nazionale.

3. Il fenomeno dell'olio di colza. I cittadini italiani che utilizzano olio
di colza alimentare miscelato con il diesel compiono il reato di evasione
delle accise sui carburanti. Nulla però viene fatto per agevolare la
produzione e la vendita dei biocarburanti legalizzati. L'aumento del prezzo
del petrolio sta facendo aumentare automaticamente le entrate dello Stato
tramite le accise, a spese dei consumatori e delle imprese, perché non
investire questo surplus per defiscalizzare la produzione dei biocarburanti
legali?

4. Maggiore redditività delle imprese agricole nazionali. La domanda dei
biocarburanti non mancherebbe, lo dimostra il crescente fenomeno illegale
per l'olio di colza alimentare (materia prima agricola da distinguere dai
biocarburanti). I biocarburanti rappresenterebbero una valida attività di
reddito complementare per le aziende agricole oltre che una possibilità di
autoconsumo senza dover dipendere dalle oscillazioni del prezzo del
petrolio.

5. I biocarburanti riducono lo smog in città. L'uso dei biocarburanti riduce
lo smog in città e le conseguenze sulla salute dei cittadini. I recenti
blocchi del traffico nel 2005 hanno dimostrato la gravità delle condizioni
nell'aria che respiriamo nelle città italiane.

6. Riducono l'effetto serra. I biocarburanti rilasciano nell'aria la stessa
quantità di CO2 assorbita dalla pianta per crescere. Il bilancio con
l'ambiente si chiude in pareggio e non si alimenta l'effetto serra.
Favorisce pertanto il raggiungimento degli obiettivi di Kyoto.

7. Maggiore indipendenza dal petrolio. Il petrolio è ormai stabile al di
sopra dei 50-60 dollari al barile con conseguente pressione inflazionistica
sui prezzi al distributore di benzina o di diesel. Una vera e propria tassa
per tutti i cittadini che penalizza soprattutto i ceti meno abbienti.
Soltanto le Casse dello Stato beneficiano tramite le accise dall'incremento
del prezzo del petrolio, tutti i cittadini e le imprese sono invece
penalizzate nel potere di acquisto e nei costi. Aumentare la quota dei
biocarburanti frenerebbe questa situazione di empasse.

8. Meno guerre per il petrolio. La minore dipendenza dai paesi produttori di
petrolio favorirebbe una caduta del prezzo del petrolio e una minore
attenzione geopolitica per le zone ricche di petrolio. Se il petrolio avesse
minore importanza non ci sarebbero guerre del petrolio.

E' pertanto fondamentale allineare l'Italia agli obiettivi della direttiva
europea 30/2003 e aumentare al 2% la presenza di biocarburanti in Italia
entro il 2005 per consentire il raggiungimento del 5,75% entro il 2010. E'
al pari necessario aumentare il contingente defiscalizzato di diesel da
200.000 tonnellate a 500.000 tonnellate entro la prossima finanziaria. Una
risposta razionale al problema dello smog, dell'olio di colza, della
dipendenza dal petrolio e dell'occupazione agricola.


Firma anche tu!
prady
2005-08-26 12:06:15 UTC
Permalink
Post by massivan
http://www.progettomeg.it/petiziobiocarb.htm
PETIZIONE PER I BIOCARBURANTI IN ITALIA
L'utilizzo dei biocarburanti è una realtà in Francia e in Germania ma
non in Italia dove nel 2005 il contingente defiscalizzato di
biodiesel è stato persino ridotto nella finanziaria da 300mila a
200mila tonnellate. I biocarburanti sono alternativi al diesel e alla
benzina, sono meno inquinanti per l'aria, riducono la dipendenza dal
petrolio e favoriscono l'occupazione agricola. La direttiva europea
30/2003 impone all'Italia l'obiettivo di coprire il 2% della domanda
di carburanti con i biocarburanti entro il 2005 e del 5,75% entro il
2010. Il recente decreto legge 128/2005 del governo ha previsto la
copertura teorica soltanto del 1% entro il 2005 e del 2,5% entro il
2010... l'Italia è ben al di sotto dell'obiettivo europeo.
I biocarburanti sono producibili da qualsiasi azienda agricola in
Italia e nel mondo. Rispetto al petrolio non esistono problemi di
scarsità o di concentrazione delle riserve in poche aree desertiche.
I biocarburanti sono fonte di occupazione per l'agricoltura europea e
del sud del mondo. Sono meno inquinanti del diesel e della benzina
riducendo lo smog nelle città e il problema dell'effetto serra. I
1. Fabbisogno energetico nazionale. Crescita dell'auto-produzione
nazionale di carburanti con conseguente miglioramento
dell'autosufficienza energetica nazionale. In Francia i biocarburanti
sono miscelati al 5% con i carburanti tradizionali.
2. Occupazione nel settore agricolo. La produzione agricola per fini
energetici favorisce l'occupazione nel settore agricolo ben
distribuita sul territorio nazionale.
3. Il fenomeno dell'olio di colza. I cittadini italiani che
utilizzano olio di colza alimentare miscelato con il diesel compiono
il reato di evasione delle accise sui carburanti. Nulla però viene
fatto per agevolare la produzione e la vendita dei biocarburanti
legalizzati. L'aumento del prezzo del petrolio sta facendo aumentare
automaticamente le entrate dello Stato tramite le accise, a spese dei
consumatori e delle imprese, perché non investire questo surplus per
defiscalizzare la produzione dei biocarburanti legali?
La sostiuzione dei carburanti fossili con l'olio di colza non è sostenibile,
perché considerando il rendimento della produzione di olio per ettaro di
terra, bisognerebbe sostituire tutte le coltivazioni attuali con la colza, e
ciò comunque non basterebbe a coprire il fabbisogno nazionale.
In prima istanza, per fare bene all'ambiente basterbbe adottare tutta una
serie di comportamenti "ambientalmente compatibili" nella vita quotidiana,
come ad esempio:
- raccolta differenziata (fatta bene);
- risparmio energetico usando ad esempio lampadine ed elettrodomestici a
basso consumo, facendo andare le lavatrici di notte, ecc.
- evitando i prodotti usa e getta
- risparmiando l'acqua
- usando meno la macchina e più la bicicletta o i mezzi pubblici.
--
prady
togli "po" per rispondermi


http://www.soccmeil.it/fotobologna/
massivan
2005-08-26 12:34:55 UTC
Permalink
"prady"
Post by prady
bisognerebbe sostituire tutte le coltivazioni attuali con la colza, e
ciò comunque non basterebbe a coprire il fabbisogno nazionale.
"massivan"

La Ford T é stata fatta per l'etilene di canapa,
poi i petrolieri se la presero con la lobby
dei produttori da canapa ed ebbero la meglio.

Oggi si può produrre con metodi diversi, su più
strati, in questo modo un ettaro di terra può
avere un superficie utile ben maggiore
e meccanizzare tutti i processi della produzione.

Ci sono, inoltre, grandi superfici non coltivate
nell'Europa dell'Est che potrebbero servire
allo scopo.
prady
2005-08-26 13:23:34 UTC
Permalink
Post by massivan
"prady"
Post by prady
bisognerebbe sostituire tutte le coltivazioni attuali con la colza, e
ciò comunque non basterebbe a coprire il fabbisogno nazionale.
[CUT]
Post by massivan
Oggi si può produrre con metodi diversi, su più
strati, in questo modo un ettaro di terra può
avere un superficie utile ben maggiore
e meccanizzare tutti i processi della produzione.
Dai miei conti ( http://snipurl.com/h8in ), provando a sostiuire tutto il
gasolio consumato in italia con biodiesel prodotto dall'olio di colza, e
considerando un rendimento di una tonnellata di biodiesel per ettaro di
terra coltivata, viene fuori la superficie italiana completamente coltivata,
montagne comprese.
Il dato del rendimento viene da un produttore, e immagino che consideri una
produzione meccanizzata. Anche se ciò non fosse e producendo su "più strati"
(che però non so cosa voglia dire), non credo che il rendimento
migliorerebbe di molto. Anche se decuplicasse ad esempio, verrebbero fuori
sempre 30.000 km quadrati, che sono sempre tantissimi. Se poi ho fatto un
errore nei conti questo è un altro discorso.
Post by massivan
Ci sono, inoltre, grandi superfici non coltivate
nell'Europa dell'Est che potrebbero servire
allo scopo.
Portare poi le coltivazioni da un'altra parte non renderebbe comunque il
sistema sostenibile e sarebbe semplicemente uno spostamento del problema,
cosa inaccettabile per chi ha un minimo di sosteniblità ambientale. Sarebbe
analogo all'esportare i nostri rifiuti in africa perché non siamo in grado
di gestirceli in casa. Andremmo difatti a depauperare risorse naturali di
altri paesi per produrre il nostro carburante "pulito".
--
prady
togli "po" per rispondermi


http://www.soccmeil.it/fotobologna/
MicioNelBuio
2005-08-26 14:02:57 UTC
Permalink
Post by prady
Post by massivan
"prady"
Post by prady
bisognerebbe sostituire tutte le coltivazioni attuali con la colza, e
ciò comunque non basterebbe a coprire il fabbisogno nazionale.
[CUT]
Post by massivan
Oggi si può produrre con metodi diversi, su più
strati, in questo modo un ettaro di terra può
avere un superficie utile ben maggiore
e meccanizzare tutti i processi della produzione.
Dai miei conti ( http://snipurl.com/h8in ), provando a sostiuire tutto il
gasolio consumato in italia con biodiesel prodotto dall'olio di colza, e
considerando un rendimento di una tonnellata di biodiesel per ettaro di
terra coltivata, viene fuori la superficie italiana completamente coltivata,
montagne comprese.
Il dato del rendimento viene da un produttore, e immagino che consideri una
produzione meccanizzata. Anche se ciò non fosse e producendo su "più strati"
(che però non so cosa voglia dire), non credo che il rendimento
migliorerebbe di molto. Anche se decuplicasse ad esempio, verrebbero fuori
sempre 30.000 km quadrati, che sono sempre tantissimi. Se poi ho fatto un
errore nei conti questo è un altro discorso.
Post by massivan
Ci sono, inoltre, grandi superfici non coltivate
nell'Europa dell'Est che potrebbero servire
allo scopo.
Portare poi le coltivazioni da un'altra parte non renderebbe comunque il
sistema sostenibile e sarebbe semplicemente uno spostamento del problema,
cosa inaccettabile per chi ha un minimo di sosteniblità ambientale. Sarebbe
analogo all'esportare i nostri rifiuti in africa perché non siamo in grado
di gestirceli in casa. Andremmo difatti a depauperare risorse naturali di
altri paesi per produrre il nostro carburante "pulito".
--
prady
togli "po" per rispondermi
http://www.soccmeil.it/fotobologna/
forse non capisci il problema, forse non lo capisco io:
siamo nella cacca perche' il caro-petrolio ci ammazza, siamo sull'orlo di
una crisi.
ce lo dice la TV ogni giorno, sara' pur vero, no?
abbiamo la possibilita' di mescolare l'olio di colza prodotto da noi o
comunque meno caro del gasolio.
questo non risolverebbe ogni problema, ma sarebbe un aiuto.
e' talmente tanto facile che un sacco di gente s'e' rotta le balle e lo fa
comunque, da sola.

domanda: cosa stiamo aspettando? che c'e' dietro? perche' ci lamentiamo ed
al tempo stesso non facciamo una cosa semplicissima che allevierebbe il
problema?

seconda domanda: perche' non ammettere serenamente che il problema e'
politico, che una parziale soluzione ci sarebbe ma non la si vuole
applicare, che non si vuole lasciare semplicemente che la cosa si possa
fare?

terza: ma poi che c'entra che non si possa risolvere mondialmente il
problema usando l'olio di colza? io nel mio diesel gradirei metterci quello
che mi pare, se non fa male a nessuno

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
prady
2005-08-26 14:35:07 UTC
Permalink
Il 26 Ago 2005, 15:23, "prady"
Post by prady
Post by massivan
"prady"
Post by prady
bisognerebbe sostituire tutte le coltivazioni attuali con la
colza, e ciò comunque non basterebbe a coprire il fabbisogno
nazionale.
[CUT]
Post by massivan
Oggi si può produrre con metodi diversi, su più
strati, in questo modo un ettaro di terra può
avere un superficie utile ben maggiore
e meccanizzare tutti i processi della produzione.
Dai miei conti ( http://snipurl.com/h8in ), provando a sostiuire
tutto il gasolio consumato in italia con biodiesel prodotto
dall'olio di colza, e considerando un rendimento di una tonnellata
di biodiesel per ettaro di terra coltivata, viene fuori la
superficie italiana completamente
coltivata,
Post by prady
montagne comprese.
Il dato del rendimento viene da un produttore, e immagino che
consideri
una
Post by prady
produzione meccanizzata. Anche se ciò non fosse e producendo su "più
strati"
Post by prady
(che però non so cosa voglia dire), non credo che il rendimento
migliorerebbe di molto. Anche se decuplicasse ad esempio, verrebbero
fuori sempre 30.000 km quadrati, che sono sempre tantissimi. Se poi
ho fatto un errore nei conti questo è un altro discorso.
Post by massivan
Ci sono, inoltre, grandi superfici non coltivate
nell'Europa dell'Est che potrebbero servire
allo scopo.
Portare poi le coltivazioni da un'altra parte non renderebbe
comunque il sistema sostenibile e sarebbe semplicemente uno
spostamento del problema, cosa inaccettabile per chi ha un minimo di
sosteniblità ambientale.
Sarebbe
Post by prady
analogo all'esportare i nostri rifiuti in africa perché non siamo in
grado di gestirceli in casa. Andremmo difatti a depauperare risorse
naturali di altri paesi per produrre il nostro carburante "pulito".
--
prady
togli "po" per rispondermi
http://www.soccmeil.it/fotobologna/
siamo nella cacca perche' il caro-petrolio ci ammazza, siamo
sull'orlo di
una crisi.
ce lo dice la TV ogni giorno, sara' pur vero, no?
abbiamo la possibilita' di mescolare l'olio di colza prodotto da noi o
comunque meno caro del gasolio.
questo non risolverebbe ogni problema, ma sarebbe un aiuto.
e' talmente tanto facile che un sacco di gente s'e' rotta le balle e
lo fa comunque, da sola.
domanda: cosa stiamo aspettando? che c'e' dietro? perche' ci
lamentiamo ed
al tempo stesso non facciamo una cosa semplicissima che allevierebbe il
problema?
Se noi coltivassimo tutta l'italia con la colza, e intendo tutta, montagne,
laghi, boschi, città comprsi, secondo te non satebbe un problema?
Sicuramente avremmo "alleviato il problema" del carburante, però non ci
sarebbero più strade, perchè sarebbero coltivate a colza. E' ovviamente una
soluzione impossibile.
A me il discorso non sembra così complicato.
Se tu poi dici che il tuo consumo personale non porterebbe a grossi problemi
allo stato attuale, è vero, però solamente perché i "costi ambientali", si
manifesterebbero su bassissima scala e non sarebbero valutabili, ma su larga
scala verrebbero fuori tutti. E il discorso mi sembra un po' egoista.
Perciò se io fossi un governante, che deve programmare la politica
energetica del paese, non spingerei di certo verso questa soluzione che non
è sostenibile.
seconda domanda: perche' non ammettere serenamente che il problema e'
politico
Per niente. Vedi sopra.
terza: ma poi che c'entra che non si possa risolvere mondialmente il
problema usando l'olio di colza? io nel mio diesel gradirei metterci quello
che mi pare, se non fa male a nessuno
Vedi sopra.
.
--
prady
togli "po" per rispondermi


http://www.soccmeil.it/fotobologna/
alfa
2005-08-26 14:44:10 UTC
Permalink
Post by MicioNelBuio
ce lo dice la TV ogni giorno, sara' pur vero, no?
questa è una delle frasi che entra nella storia di iaf
--
alfa | www.alphaphoto.net
alfa
2005-08-26 14:45:11 UTC
Permalink
Post by alfa
Post by MicioNelBuio
ce lo dice la TV ogni giorno, sara' pur vero, no?
questa è una delle frasi che entra nella storia di iaf
detta poi da un MicioNelBuio qualunque

ma chi sei? ma quanto sei un mito?
--
alfa | www.alphaphoto.net
prady
2005-08-26 15:07:12 UTC
Permalink
Post by alfa
Post by MicioNelBuio
ce lo dice la TV ogni giorno, sara' pur vero, no?
questa è una delle frasi che entra nella storia di iaf
dici che dietro non c'era il seppur minimo accenno di ironia?
--
prady
togli "po" per rispondermi


http://www.soccmeil.it/fotobologna/
MicioNelBuio
2005-08-26 15:16:02 UTC
Permalink
Post by prady
Post by alfa
Post by MicioNelBuio
ce lo dice la TV ogni giorno, sara' pur vero, no?
questa è una delle frasi che entra nella storia di iaf
dici che dietro non c'era il seppur minimo accenno di ironia?
stavo polemizzando con te! NON puoi venirmi in soccorso, ecco! non e'
giusto...

spero cmq che anche dietro il messaggio di alfa ci fosse un minimo di
ironia... oddio, no?
dai, non ci credo!

spero solo che non metta la mia frase in una sua firma con tanto di nome
mio!!!!! fuori contesto magari non la si capisce....

boh.

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
MicioNelBuio
2005-08-26 15:13:48 UTC
Permalink
Post by alfa
Post by MicioNelBuio
ce lo dice la TV ogni giorno, sara' pur vero, no?
questa è una delle frasi che entra nella storia di iaf
--
alfa | www.alphaphoto.net
grazie, mi fa piacere che qualcuno l'abbia apprezzata
:)

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Gianni Rondinini
2005-08-29 08:39:51 UTC
Permalink
Post by MicioNelBuio
ce lo dice la TV ogni giorno, sara' pur vero, no?
la tv dice che la cina non e' un problema.
la tv dice che l'economia e' in ripresa.
la tv dice che l'inflazione e' sotto il 2%.

vuoi che vada avanti?

che il caro petrolio ci sta distruggendo e' vero, ma usare l'olio di
colza e' forse peggio che usare auto elettriche da caricare nella
presa di casa tua la sera.

saluti.
--
Gianni Rondinini (30, tanti, RA)
VBR - Vero Birro Romagnolo
Hai capito, scelf?
massivan
2005-08-26 17:46:38 UTC
Permalink
"prady"
Post by prady
Anche se ciò non fosse e producendo su "più strati"
(che però non so cosa voglia dire), non credo che il rendimento
migliorerebbe di molto.
"massivan"

E' come costruire un grattacielo o in
alternativa una villa con parco sulla
tessa superficie...non devi basarti
solo su ciò che esiste, le tecniche
di produzione si possono modificare.
Gianni Rondinini
2005-08-29 08:35:05 UTC
Permalink
Post by massivan
La Ford T é stata fatta per l'etilene di canapa,
poi i petrolieri se la presero con la lobby
dei produttori da canapa ed ebbero la meglio.
blablabla.

tu sei mai stato piu' di 15 secondi dietro un'auto che brucia olio di
colza o qualsiasi altro olio naturale?
e sei uno degli sprovveduti secondo i quali se una cosa e' naturale
non inquina e non fa male?

saluti.
--
Gianni Rondinini (30, tanti, RA)
VBR - Vero Birro Romagnolo
Hai capito, scelf?
massivan
2005-08-30 10:54:24 UTC
Permalink
"Gianni Rondinini"
Post by Gianni Rondinini
tu sei mai stato piu' di 15 secondi dietro un'auto che brucia olio di
colza o qualsiasi altro olio naturale?
e sei uno degli sprovveduti secondo i quali se una cosa e' naturale
non inquina e non fa male?
"massivan"

L'odore di fritto? Meglio nausearsi
che mangiarlo veramente, il fritto
é cancerogeno.
katsushiro
2005-08-26 13:05:26 UTC
Permalink
Post by prady
La sostiuzione dei carburanti fossili con l'olio di colza non è sostenibile,
perché considerando il rendimento della produzione di olio per ettaro di
terra, bisognerebbe sostituire tutte le coltivazioni attuali con la colza, e
ciò comunque non basterebbe a coprire il fabbisogno nazionale.
Per altri stati è già una realtà sostenibile e di sicuro è molto più
sostenibile di una guerra per il petrolio all'anno e di un'attentato
talebano al mese (così magari possiamo tornare pure a prendere i mezzi
pubblici più tranquilli e fare bene all'ambiente sul serio)




--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
prady
2005-08-26 13:37:01 UTC
Permalink
Il 26 Ago 2005, 14:06, "prady"
Post by prady
La sostiuzione dei carburanti fossili con l'olio di colza non è
sostenibile,
Post by prady
perché considerando il rendimento della produzione di olio per
ettaro di terra, bisognerebbe sostituire tutte le coltivazioni
attuali con la colza,
e
Post by prady
ciò comunque non basterebbe a coprire il fabbisogno nazionale.
Per altri stati è già una realtà sostenibile e di sicuro è molto più
sostenibile di una guerra per il petrolio all'anno e di un'attentato
talebano al mese (così magari possiamo tornare pure a prendere i mezzi
pubblici più tranquilli e fare bene all'ambiente sul serio)
Sinceramente, il tuo post non risponde al mio, che verteva sugli aspetti
tecnici dell'utilizzo dell'olio di colza. C'è anche da dire che tutto il
Thread in effetti è OT.
Comunque, la materia "inquinamento ambientale" va affrontata in maniera
tecnico-scientifica e purtroppo invece un sacco di gente fa delle sparate
senza capire esattamente i termini del problema.
Lo dico senza offesa, ho preso ad esempio il tuo post ma questo vale per un
sacco di gente "famosa", ovvero telecomici-predicatori, politici di destra e
sinistra, ecc.
Riprendendo la tua risposta, credo che tutti siano favorevoli all'utilizzo
di fonti di energia alternative al petrolio, io semplicemente entravo nel
merito dell'attuabilità pratica dell'utilizzo del biodiesel prodotto
dall'olio di colza.
--
prady
togli "po" per rispondermi


http://www.soccmeil.it/fotobologna/
katsushiro
2005-08-26 13:39:56 UTC
Permalink
C'è anche da dire che tutto il Thread in effetti è OT.
non conosci IAF
Lo dico senza offesa, ho preso ad esempio il tuo post ma questo vale per un
sacco di gente "famosa", ovvero telecomici-predicatori,
Beppe grillo è contrario, anzi è per il raddoppio del costo dei carburanti.
Riprendendo la tua risposta, credo che tutti siano favorevoli all'utilizzo
di fonti di energia alternative al petrolio, io semplicemente entravo nel
merito dell'attuabilità pratica dell'utilizzo del biodiesel prodotto
dall'olio di colza.
In Germania come fanno?





--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
prady
2005-08-26 14:02:31 UTC
Permalink
Il 26 Ago 2005, 15:37, "prady"
Post by prady
Riprendendo la tua risposta, credo che tutti siano favorevoli
all'utilizzo di fonti di energia alternative al petrolio, io
semplicemente entravo nel merito dell'attuabilità pratica
dell'utilizzo del biodiesel prodotto dall'olio di colza.
In Germania come fanno?
Non lo, dimmelo tu. Invece di farmi la sparata su cosa fanno gli altri senza
spiegare il come, prova a informarti sull'argomento e contribuire in maniera
un po' più costruttiva.
Ovviamente non intendo attuabilità dal punto di vista tecnico, ma dal punto
di vista della sostenibilità ambientale. Se il concetto non è chiaro forse è
meglio che cerchi su google.
Spesso si adottano tecnologie che ancora non sono "sostenibili",
ambientalmente e/o economicamente, perché presentano dei margini di
miglioramento notevoli, e la loro incentivazione potrebbe portare ad uno
sviluppo tecnologico e ad un miglioramento dei rendimenti. Ad esempio il
fotovoltaico, ovvero la produzione di energia elettrica dalla radiazione
solare, che attualemente non è economicamente vantaggiosa, ma che ha un
rendimento di conversione bassissimo, quindi ipoteticamente migliorabile se
adeguatamente incentivato.
Al contrario la produzione di biodiesel per ettaro di terra coltivata, anche
se potesse essere aumentata notevolmente, necessiterebbe comunque di
superfici troppo elevate, cosa *non* *sostenibile*. Direi che è chiaro no?
Continuo a dire: se i miei dati di partenza, le mie ipotesi e i conti sono
scorretti, questo è un altro discorso.
--
prady
togli "po" per rispondermi


http://www.soccmeil.it/fotobologna/
Micionelbuio
2005-08-26 14:11:28 UTC
Permalink
Post by prady
Il 26 Ago 2005, 15:37, "prady"
Post by prady
Riprendendo la tua risposta, credo che tutti siano favorevoli
all'utilizzo di fonti di energia alternative al petrolio, io
semplicemente entravo nel merito dell'attuabilità pratica
dell'utilizzo del biodiesel prodotto dall'olio di colza.
In Germania come fanno?
Non lo, dimmelo tu. Invece di farmi la sparata su cosa fanno gli altri senza
spiegare il come, prova a informarti sull'argomento e contribuire in maniera
un po' più costruttiva.
Ovviamente non intendo attuabilità dal punto di vista tecnico, ma dal punto
di vista della sostenibilità ambientale. Se il concetto non è chiaro forse è
meglio che cerchi su google.
Spesso si adottano tecnologie che ancora non sono "sostenibili",
ambientalmente e/o economicamente, perché presentano dei margini di
miglioramento notevoli, e la loro incentivazione potrebbe portare ad uno
sviluppo tecnologico e ad un miglioramento dei rendimenti. Ad esempio il
fotovoltaico, ovvero la produzione di energia elettrica dalla radiazione
solare, che attualemente non è economicamente vantaggiosa, ma che ha un
rendimento di conversione bassissimo, quindi ipoteticamente migliorabile se
adeguatamente incentivato.
Al contrario la produzione di biodiesel per ettaro di terra coltivata, anche
se potesse essere aumentata notevolmente, necessiterebbe comunque di
superfici troppo elevate, cosa *non* *sostenibile*. Direi che è chiaro no?
Continuo a dire: se i miei dati di partenza, le mie ipotesi e i conti sono
scorretti, questo è un altro discorso.
l'errore secondo me e' proprio nel metodo. la mia domanda e': ma perche' non
ci lasciano risolvere "un po'" il problema utilizzando "un po'" di olio di
colza? non sarebbe insostenibile e farebbe risparmiare "un po'". chi lo
trova lo trova.
tra proibirmi di usare il carburante che mi pare nel mio diesel e convertire
l'intera area dell'europa a coltivazioni di colza mi pare ci siano delle vie
di mezzo, no?

per la sostenibilita'... boh. l'idea di fare un buco nel deserto (in stati
di solito piuttosto ostici e di difficile gestione) per estrarne un
materiale fossile raro e in quantita' finita, costruire migliaia di metri di
tubo per portarlo sulla costa, costruire navi gigantesche per trasportarlo
(ed ogni tanto perderlo qua e la' in mare), costruire stabilimenti
giganteschi e piuttosto inquinanti per raffinarlo e poi rispedirlo in tutto
il mondo.... beh... dico il vero... anche questo se non fosse gia' fatto mi
parrebbe ad occhio e croce insostenibile ed utopistico.
spesso se le cose si vogliono realmente fare si fanno. in un modo o
nell'altro.

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
prady
2005-08-26 14:43:47 UTC
Permalink
Micionelbuio, nel messaggio news:***@usenet.libero.it, ha scritto:


[CUT]
Post by Micionelbuio
l'errore secondo me e' proprio nel metodo. la mia domanda e': ma perche' non
ci lasciano risolvere "un po'" il problema utilizzando "un po'" di olio di
colza? non sarebbe insostenibile e farebbe risparmiare "un po'". chi lo
trova lo trova.
tra proibirmi di usare il carburante che mi pare nel mio diesel e
convertire l'intera area dell'europa a coltivazioni di colza mi pare
ci siano delle vie
di mezzo, no?
cambia la scala, ma non l'efficienza del metodo, che secondo me è
decisamente negativa dal punto di vista ambientale. Guarda la mia risposta
al tuo post precedente.
Post by Micionelbuio
per la sostenibilita'... boh. l'idea di fare un buco nel deserto (in stati
di solito piuttosto ostici e di difficile gestione) per estrarne un
materiale fossile raro e in quantita' finita, costruire migliaia di metri di
tubo per portarlo sulla costa, costruire navi gigantesche per
trasportarlo (ed ogni tanto perderlo qua e la' in mare), costruire
stabilimenti
giganteschi e piuttosto inquinanti per raffinarlo e poi rispedirlo in tutto
il mondo.... beh... dico il vero... anche questo se non fosse gia'
fatto mi parrebbe ad occhio e croce insostenibile ed utopistico.
spesso se le cose si vogliono realmente fare si fanno. in un modo o
nell'altro.
Copio e incollo da una mia risposta a Katsuhiro:

"... credo che tutti siano favorevoli all'utilizzo
di fonti di energia alternative al petrolio, io semplicemente entravo nel
merito dell'attuabilità pratica dell'utilizzo del biodiesel prodotto
dall'olio di colza..."

Non mi sembra di aver mai parlato di petrolio, giusto?
--
prady
togli "po" per rispondermi


http://www.soccmeil.it/fotobologna/
MicioNelBuio
2005-08-26 15:27:08 UTC
Permalink
Il 26 Ago 2005, 16:43, "prady" <***@soccmeil.it> ha scritto:
[...]

mah...
permettetemi il massimo grado di populismo: mi pare come se stessi morendo
di fame e li' ci fosse un piatto di minestra a 50cent dal negozio A ma mi
venisse proibito di mangiarla. mentre dal negozio B e' in vendita altra
minestra, che pero' costa il doppio. e costa il doppio perche' il gestore
del negozio B ci applica sopra le tasse (nel senso di un SUO guadagno) e
porta il prezzo a 1 euro.
poi lo stesso gestore del negozio B, purtroppo, mi vieta per legge di
comprare al negozio A. o meglio: posso comprarla la minestra, ma non
mangiarla. posso farci altro. mangiarla e' proibito.
e lo stesso gestore del negozio B intanto parla di crisi della minestra B,
va in TV a dire che il prezzo della minestra B ha raggiunto limiti storici,
insopportabili, che e' un grosso problema per me e gli altri cittadini, che
si stanno studiando misure per il contenimento dei prezzi.
e quando chiedo "scusa, per una volta o due potrei intanto comprare la
minestra A, che tanto va bene lo stesso perche' il mio stomaco e' nato
proprio per mangiare quella, poi vediamo di abbassare il prezzo della B?"
cosa mi risponde?:" eh, no. pensa un po' se TUTTI andassero al negozio A? e'
troppo piccolo, non potrebbe fronteggiare le richieste,andrebbe a rotoli in
poco tempo".

a me, sinceramente e populisticamente, considerando che B ci guadagna... mi
pare un ragionamento del cappero


(se poi aggiungiamo che B alzo' il prezzo, ad esempio, per un anno soltanto
in occasione di un terremoto e poi si dimentico' della sua promessa di farlo
di nuovo scendere al finire dell'emergenza e cosi' via....)

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
massivan
2005-08-26 18:06:34 UTC
Permalink
"MicioNelBuio"
Post by MicioNelBuio
poi lo stesso gestore del negozio B, purtroppo, mi vieta per legge di
comprare al negozio A. o meglio: posso comprarla la minestra, ma non
mangiarla. posso farci altro. mangiarla e' proibito.
"massivan"

Il petrolio é uno strumento "imperiale"
serve per dirigere le risorse "qua o la"
in base alle esigenze dell'impero,

da punto di vista tecnologico é
perfettamente sostituibile dai vegetali,

già dagli anni '80 la Montedison
(con R.Gardini) poteva produrre tutto
senza petrolio...

forse é anche per questo che Gardini
é stato "suicidato", strano, ma era
"economicamente contro" questo
impero mondiale, al punto che la Hymont
fu fatta fuori negli U.S.A per lo "sgarro".

A metà anni '80 leggevo tutti i giorni
il Sole 24 Ore, palloso ma mi imponevo
queste conoscenze.
prady
2005-08-26 20:02:44 UTC
Permalink
Post by massivan
"MicioNelBuio"
Post by MicioNelBuio
poi lo stesso gestore del negozio B, purtroppo, mi vieta per legge di
comprare al negozio A. o meglio: posso comprarla la minestra, ma non
mangiarla. posso farci altro. mangiarla e' proibito.
"massivan"
Il petrolio é uno strumento "imperiale"
serve per dirigere le risorse "qua o la"
in base alle esigenze dell'impero,
da punto di vista tecnologico é
perfettamente sostituibile dai vegetali,
già dagli anni '80 la Montedison
(con R.Gardini) poteva produrre tutto
senza petrolio...
forse é anche per questo che Gardini
é stato "suicidato", strano, ma era
"economicamente contro" questo
impero mondiale, al punto che la Hymont
fu fatta fuori negli U.S.A per lo "sgarro".
A me sembra di avere sostenuto che la produzione di carburanti da vegetali
sia troppo onerosa dal punto di vista delle risorse ambientali, mentre non
ho assolutamente parlato di impossibilità tecnica.
Mi sa che è meglio chiudere qua perché ragioniamo su basi diverse.
Grazie comunque per la discussione.
Ciao
--
prady
togli "po" per rispondermi


http://www.soccmeil.it/fotobologna/
massivan
2005-08-26 17:57:46 UTC
Permalink
"Micionelbuio"
Post by Micionelbuio
per la sostenibilita'... boh. l'idea di fare un buco nel deserto (in stati
di solito piuttosto ostici e di difficile gestione) per estrarne un
materiale fossile raro e in quantita' finita, costruire migliaia di metri di
tubo per portarlo sulla costa, costruire navi gigantesche per trasportarlo
(ed ogni tanto perderlo qua e la' in mare), costruire stabilimenti
giganteschi e piuttosto inquinanti per raffinarlo e poi rispedirlo in tutto
il mondo.... beh... dico il vero... anche questo se non fosse gia' fatto mi
parrebbe ad occhio e croce insostenibile ed utopistico.
spesso se le cose si vogliono realmente fare si fanno. in un modo o
nell'altro.
"massivan"

La benzina si otterrebbe anche
dal carbone, come si faceva durante
la seconda guerra mondiale e di conseguenza
anche dalla legna,

quindi produrre più superfici di vegetali
abbassa la temperatura e quindi si ottiene
anche un risparmio dai condizionatori.
prady
2005-08-26 19:53:08 UTC
Permalink
Post by massivan
"Micionelbuio"
Post by Micionelbuio
per la sostenibilita'... boh. l'idea di fare un buco nel deserto (in
stati di solito piuttosto ostici e di difficile gestione) per
estrarne un materiale fossile raro e in quantita' finita, costruire
migliaia di metri di tubo per portarlo sulla costa, costruire navi
gigantesche per trasportarlo (ed ogni tanto perderlo qua e la' in
mare), costruire stabilimenti giganteschi e piuttosto inquinanti per
raffinarlo e poi rispedirlo in tutto il mondo.... beh... dico il
vero... anche questo se non fosse gia' fatto mi parrebbe ad occhio e
croce insostenibile ed utopistico.
spesso se le cose si vogliono realmente fare si fanno. in un modo o
nell'altro.
"massivan"
La benzina si otterrebbe anche
dal carbone, come si faceva durante
la seconda guerra mondiale e
Metodo più costoso e inquinante.
Post by massivan
di conseguenza
anche dalla legna,
chimicamente legno e carbone sono due cose diverse.
--
prady
togli "po" per rispondermi


http://www.soccmeil.it/fotobologna/
katsushiro
2005-08-26 15:05:47 UTC
Permalink
Post by prady
Post by katsushiro
In Germania come fanno?
Non lo, dimmelo tu. Invece di farmi la sparata su cosa fanno gli altri senza
spiegare il come
rilassati, era una domanda.


--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
prady
2005-08-26 15:23:27 UTC
Permalink
Post by katsushiro
Post by prady
Non lo, dimmelo tu. Invece di farmi la sparata su cosa fanno gli
altri
senza
Post by prady
spiegare il come
rilassati, era una domanda.
Rilassati?
Guarda che questo non è uno scontro dialettico da festa delle medie...
--
prady
togli "po" per rispondermi


http://www.soccmeil.it/fotobologna/
katsushiro
2005-08-26 19:28:35 UTC
Permalink
katsushiro, nel messaggio
Rilassati?
Guarda che questo non è uno scontro dialettico da festa delle medie...
strano, eppure ti esprimi come se fossi in piena tempesta ormonale :-)
ti ho fatto semplicemente una domanda, se non sai rispondere non c'è bisogno
di agitarsi tanto.






--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
prady
2005-08-26 20:32:35 UTC
Permalink
Post by katsushiro
Post by prady
Rilassati?
Guarda che questo non è uno scontro dialettico da festa delle medie...
strano, eppure ti esprimi come se fossi in piena tempesta ormonale :-)
ti ho fatto semplicemente una domanda, se non sai rispondere non c'è bisogno
di agitarsi tanto.
Scusa se ti sono sembrato aggressivo, è che se dopo aver esposto quello che
trovo un ragionamento logico su di un argomento che mi sta a cuore, arriva
uno che mi dice che ho sbagliato, perché "in altri stati è già una realtà",
e però non sa spiegarmi il perché e addirittura chiede proprio a me di
spiegarlo... bè, sinceramente mi sento preso per il culo.... non trovi?
--
prady
togli "po" per rispondermi


http://www.soccmeil.it/fotobologna/
katsushiro
2005-08-26 21:33:10 UTC
Permalink
Post by prady
Scusa se ti sono sembrato aggressivo, è che se dopo aver esposto quello che
trovo un ragionamento logico su di un argomento che mi sta a cuore, arriva
uno che mi dice che ho sbagliato, perché "in altri stati è già una realtà",
e però non sa spiegarmi il perché e addirittura chiede proprio a me di
spiegarlo... bè, sinceramente mi sento preso per il culo.... non trovi?
Si se pensi ad un contradditorio ma non era questo il caso.
Penso semplicemente che il fatto che in alcuni stati sia consentita la
distribuzione su strada di biodiesel indica che forse, nel rispetto delle
premesse a cui fai riferimento, ci sono forme intermedie o integrate di
sfruttamento di quel tipo di risorsa che forse vale la pena considerare.











--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
massivan
2005-08-26 17:52:37 UTC
Permalink
"katsushiro"
Post by katsushiro
In Germania come fanno?
"massivan"

Ci sono i distributori di
elettricità che in 15 minuti
ti ricaricano le batterie di
una Mercedes 190 C
che poi fa i 120 per 200
Km.

Questo dai primi anni '90
ma in Italia l'argomento é tabù.
prady
2005-08-26 19:42:47 UTC
Permalink
Post by massivan
"katsushiro"
Post by katsushiro
In Germania come fanno?
"massivan"
Ci sono i distributori di
elettricità che in 15 minuti
ti ricaricano le batterie di
una Mercedes 190 C
che poi fa i 120 per 200
Km.
Questo dai primi anni '90
ma in Italia l'argomento é tabù.
L'elettricità non è una fonte di energia.
Bisogna produrla spendendo altra energia.
Il problema sono le fonti di energia, mentre la corrente elettrica è un
vettore..
--
prady
togli "po" per rispondermi


http://www.soccmeil.it/fotobologna/
massivan
2005-08-26 20:01:31 UTC
Permalink
"prady"
Post by prady
Il problema sono le fonti di energia, mentre la corrente elettrica è un
vettore..
"massivan"

Il problema in Italia é la censura sulle fonti
energetiche diverse dal petrolio, perché
non fanno spoot pubblicitari in TV o sui
giornali e questo é già un buon motivo,

poi c'é l'uso imperiale del petrolio.
prady
2005-08-26 20:33:13 UTC
Permalink
Post by massivan
"prady"
Post by prady
Il problema sono le fonti di energia, mentre la corrente elettrica è
un vettore..
"massivan"
Il problema in Italia é la censura sulle fonti
energetiche diverse dal petrolio, perché
non fanno spoot pubblicitari in TV o sui
giornali e questo é già un buon motivo,
Tipo quali? Giusto per capirci...
--
prady
togli "po" per rispondermi


http://www.soccmeil.it/fotobologna/
massivan
2005-08-26 22:58:52 UTC
Permalink
"prady"
Post by prady
Tipo quali? Giusto per capirci...
"massivan"

Gli spoot della Q8 della Total,
Esso, della Shell, ecc.
prady
2005-08-26 23:29:26 UTC
Permalink
Post by massivan
"prady"
Post by prady
Tipo quali? Giusto per capirci...
"massivan"
Gli spoot della Q8 della Total,
Esso, della Shell, ecc.
Intendevo quali fonti di energia...
--
prady
togli "po" per rispondermi


http://www.soccmeil.it/fotobologna/
massivan
2005-08-26 23:41:23 UTC
Permalink
"prady"
Post by prady
Intendevo quali fonti di energia...
"massivan"

Quella foto-voltaica, i combustibili
da vegetali, quelli ricavati dai rifiuti.
Gianni Rondinini
2005-08-29 08:45:43 UTC
Permalink
Post by massivan
Quella foto-voltaica, i combustibili
da vegetali, quelli ricavati dai rifiuti.
le celle fotovoltaiche producono tanta poca energia che con un
impianto domestico, la cui durata e' *stimata* in 20'anni, non ti
paghi le spese di acquisto ed installazione dell'impianto.
i combustibili vegetali si possono usare a bangkok, perche' puzzano
peggio di una rosticceria cinese da asporto.
tu vorresti un "termovalorizzatore" vicino a casa? ovunque abbiano
tentato di installarne uno ci sono state sommosse popolari.

ora proponi alternative proponibili.

a me viene in mente solo l'idroelettrico + auto elettriche --poi le
batterie esauste le portiamo in giardino da te, pero'--, ma prima
bisogna estinguere i verdi.

saluti.
--
Gianni Rondinini (30, tanti, RA)
VBR - Vero Birro Romagnolo
Hai capito, scelf?
massivan
2005-08-30 11:01:31 UTC
Permalink
"Gianni Rondinini"
Post by Gianni Rondinini
le celle fotovoltaiche producono tanta poca energia che con un
impianto domestico, la cui durata e' *stimata* in 20'anni, non ti
paghi le spese di acquisto ed installazione dell'impianto.
"massivan"

E il contatore per la vendita dove lo metti...
puoi produrre elettricità e venderla.


"Gianni Rondinini"
Post by Gianni Rondinini
a me viene in mente solo l'idroelettrico + auto elettriche --poi le
batterie esauste le portiamo in giardino da te, pero'--, ma prima
bisogna estinguere i verdi.
"massivan"

Il recupero delle batterie esauste é già obbligatorio
per legge,

gli ecologisti comparvero a causa dell'inquinamento
non per "colpa loro".

Forse non sai che il fiume Potomak era tanto
inquinato che un giorno prese fuoco...

ora, per colpa degli ecologisti é un fiume con i pesci.
Gianni Rondinini
2005-08-31 14:28:29 UTC
Permalink
Post by massivan
E il contatore per la vendita dove lo metti...
puoi produrre elettricità e venderla.
il calcolo prende gia' in esame la rivendita ad enel --per quanto
sapevo, obbligatoria, ma potrebbero anche essere cambiate le cose--
dell'energia elettrica prodotta in eccesso.
Post by massivan
Il recupero delle batterie esauste é già obbligatorio
per legge,
e costa una pazzia, viene effettuato solo da poche, carissime, ditte,
le quali sono autorizzate a buttare i liquidi nei fiumi.
ora, seriamente, come pensi di smaltire il piombo o gli altri elementi
pesanti delle batterie? se non e' piombo sono ioni pesanti di litio o
altro: il problema e' che lo smaltimento *in realta'* non si fa: fin
quando non inventeranno la trasmutazione dei metalli pesanti in oro,
lo smaltimento *reale* sara' fatica da fare.
Post by massivan
ora, per colpa degli ecologisti é un fiume con i pesci.
guarda, non e' con una storiella di questo genere --o altre 2.500
tutte vere, se esistono-- che mi convincerai che i verdi sono un'ente
benefico.

di centrali idroelettriche c'e' *bisogno* e noi di fiumi ne abbiamo
tanti.

saluti.
--
Gianni Rondinini (30, tanti, RA)
VBR - Vero Birro Romagnolo
Hai capito, scelf?
Barny
2005-08-26 20:59:43 UTC
Permalink
I biocarburanti sono alternativi al diesel e alla benzina,
l'unica alternativa è abolire le auto di cilindrata superiore ai
1200cc, vietare l'aria condizionata e tutto cio che aumenta i consuni.
sono meno inquinanti per l'aria,
probabilmente
favoriscono l'occupazione agricola
si..... fatti un giro in campagna, chiedi a qualche contadino quanti
operai non extracomunitari riescono a reperire, poi mi sai dire.
--
Claudio Barny
http://www.ilfornovillanova.it/barny/

Laboratorio di fotografia il Forno
http://www.ilfornovillanova.it/
Fedor Pavlovic
2005-08-27 14:28:06 UTC
Permalink
Post by Barny
I biocarburanti sono alternativi al diesel e alla benzina,
l'unica alternativa è abolire le auto di cilindrata superiore ai
1200cc, vietare l'aria condizionata e tutto cio che aumenta i consuni.
ok, ma facciamo almeno 1298cc sennò il mio fiestino è fuor legge.

:-)
Barny
2005-08-28 05:39:40 UTC
Permalink
Post by Fedor Pavlovic
ok, ma facciamo almeno 1298cc sennò il mio fiestino è fuor legge.
:-)
OK, giusto perchè tieni famiglia
--
Claudio Barny
http://www.ilfornovillanova.it/barny/

Laboratorio di fotografia il Forno
http://www.ilfornovillanova.it/
Gianni Rondinini
2005-08-29 08:46:45 UTC
Permalink
Post by Barny
I biocarburanti sono alternativi al diesel e alla benzina,
l'unica alternativa è abolire le auto di cilindrata superiore ai
1200cc, vietare l'aria condizionata e tutto cio che aumenta i consuni.
io abolirei tutte quelle sotto i 5000cc e i 5 metri di lunghezza:
tolto il 97% del parco circolante avremmo risolto anche i problemi di
traffico e parcheggio :)

saluti.
--
Gianni Rondinini (30, tanti, RA)
VBR - Vero Birro Romagnolo
Hai capito, scelf?
Barny
2005-08-29 16:39:57 UTC
Permalink
On Mon, 29 Aug 2005 10:46:45 +0200, Gianni Rondinini
Post by Gianni Rondinini
tolto il 97% del parco circolante avremmo risolto anche i problemi di
traffico e parcheggio :)
basta che il costo minimo di un auto siffatta deve essere di almeno
1.000.000 euro.

come va tornato dalle vacanze?
--
Claudio Barny
http://www.ilfornovillanova.it/barny/

Laboratorio di fotografia il Forno
http://www.ilfornovillanova.it/
Gianni Rondinini
2005-08-31 14:29:24 UTC
Permalink
Post by Barny
come va tornato dalle vacanze?
sopravvivo. sono coperto di roba da fare, ma sto bene.
devo sviluppare e stampare un sacco di roba: pensi di avere un
mercoledi' o un venerdi' sera per me?
sono un po' in depressione da camera oscura per scarsi risultati: ho
bisogno di un vate :)

saluti.
--
Gianni Rondinini (30, tanti, RA)
VBR - Vero Birro Romagnolo
Hai capito, scelf?
Barny
2005-08-31 17:05:04 UTC
Permalink
On Wed, 31 Aug 2005 16:29:24 +0200, Gianni Rondinini
Post by Gianni Rondinini
sono un po' in depressione da camera oscura per scarsi risultati: ho
bisogno di un vate :)
al massimo posso essere un vater

ci sentiamo per una sera, fammi sapere quando sei meno incasinato
--
Claudio Barny
http://www.ilfornovillanova.it/barny/

Laboratorio di fotografia il Forno
http://www.ilfornovillanova.it/
Gianni Rondinini
2005-09-02 13:32:35 UTC
Permalink
Post by Barny
al massimo posso essere un vater
col water non vado male: le mie stampe sono abbastanza dei cessi
--scusa la battutaccia :)--.
Post by Barny
ci sentiamo per una sera, fammi sapere quando sei meno incasinato
ci sono stasera e poi giovedi' della prossima settimana.

ciao e grazie.
--
Gianni Rondinini (30, tanti, RA)
VBR - Vero Birro Romagnolo
Hai capito, scelf?
Gelly
2005-08-26 21:46:06 UTC
Permalink
quando l'olio di colza soppianterà il gasolio, la tassazione per litro
sull'olio di colza sarà superiore all'euro!

non credi?

;-)
massivan
2005-08-26 23:01:51 UTC
Permalink
"Gelly"
Post by Gelly
quando l'olio di colza soppianterà il gasolio, la tassazione per litro
sull'olio di colza sarà superiore all'euro!
non credi?
;-)
"massivan"

Non ci saranno guerre per la colza
colpi di stato con tutto il resto.

Già questo é disinquinare.
Barny
2005-08-27 05:06:30 UTC
Permalink
Post by massivan
Non ci saranno guerre per la colza
per la colza no, ma per il cibo.................

tanto ciabbiamo la panza piena, deglialtri checene fotte
--
Claudio Barny
http://www.ilfornovillanova.it/barny/

Laboratorio di fotografia il Forno
http://www.ilfornovillanova.it/
Continua a leggere su narkive:
Loading...